Autoregolazione (Parte II)

Autoregolazione (Parte II)

Nell’ articolo di qualche settimana fa (lo trovate nel seguente link:Autoregolazione (Parte I) )vi avevo esposto le metodiche di autoregolazione più in voga, adesso vedremo quali sono, a mio avviso, i pregi e i difetti di un allenamento regolato rispetto ad uno con i parametri allenanti (volume e intensità in primis) ben stabiliti, andando poi a capire quando è più opportuno usare un metodo rispetto al suo antagonista.

Oggettività vs soggettività

Le % permettono un allenamento calcolato nei minimi dettagli, qualcosa di oggettivo che non prende in considerazione lo stato di affaticamento, la forza di volontà, la motivazione e in generale lo stato emotivo in cui si troverà l’atleta nel momento in cui dovrà affrontare l’allenamento. Viceversa l’allenamento autoregolato permette atleta di dare tutto ciò che può in quel momento; tuttavia questo discorso presente dei vantaggi come degli svantaggi per cui potremmo definire gli effetti come soggettivi; facciamo degli esempi: un atleta molto motivato e con una volontà di acciaio rischierà spesso di fare troppo, mentre un allenamento con le % ben calcolato potrebbe mette il giusto limite per portarlo verso un allenamento ottimale, viceversa atleti dalla scarsa motivazione e con una scarsa sopportazione della fatica rischierebbero di fare sempre troppo poco ingannati dalle proprie percezioni, anche in questo caso un allenamento con le % risulterebbe una scelta migliore. D’altro canto se oggi vi sentite stanchi, vi ha lasciato la vostra ragazza, o avete avuto una giornata di lavoro molto pesante e adesso dovete anche allenarvi, l’allenamento con le percentuali potrebbe chiedere troppo alle vostre possibilità, questo se si verifica spesso porta all’over-reaching e nei casi peggiori all’over-training, nella fattispecie quindi un allenamento autoregolato risulterebbe più idoneo.

Determinismo vs indeterminismo

Un allenamento basato sulle % può essere programmato determinando anche i minimi dettagli e, in ogni caso, stabilendo tutti i parametri dell’allenamento; questo non è possibile in un allenamento autoregolato, in quanto solo alcuni parametri saranno stabiliti come costanti mentre il resto dell’allenamento sarà stabilito in base alle sensazioni del momento. Ne deduciamo che l’allenamento con le % permette una programmazione dettagliata a breve o medio termine, mentre un allenamento autoregolato può essere impiegato in maniera versatile nella programmazione da breve a lungo termine seppur senza stabilire i dettagli dei contenuti dell’allenamento.

Necessità di test periodici vs indipendenza dai miglioramenti

Proprio per i motivi di cui sopra, un allenamento con le % necessita di test periodici che permettano il ricalcolo dei volumi  e delle intensità di pari passo con il miglioramento delle capacità organico muscolari come risultato dell’adattamento allo stimolo allenante; indipendentemente da ciò invece un programma autoregolato non necessità test periodici.

Differenziazione dei micro-cicli nella programmazione

Un altro punto di riflessione importante è la differenziazione dei volumi e delle intensità (ma anche di tutti gli altri parametri dell’allenamento) fra i vari micro-cicli; un allenamento autoregolato, per quanto varie siano le possibilità porta comunque a spingere molto sull’ acceleratore: facilmente un 8RPE diventa un 9RPE, un’ATV si avvicina spesso a un RM, e così via; per questo motivo è sconsigliabile utilizzare il metodo dell’autoregolazione nelle sedute medie e leggere dove invece sarà molto più fruttuoso utilizzare in maniera saggia le vecchie %.

Conclusioni

Credo di aver elencato tutte le principali problematiche che riguardano la scelta di un metodo piuttosto che l’altro; come sempre ciò che paga sul lungo tragitto è la varietà, perciò credo che la soluzione ideale sia sperimentare tutti i metodi, farli propri e applicarli con moderazione assecondando le esigenze (fisiche e psicologiche) dell’atleta che si ha davanti.

Buona sperimentazione!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...